Responsabilità degli enti: l’assoluzione del funzionario non esclude la responsabilità amministrativa dell’ente – Cass. pen. 20060/2013

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 13 Maggio 2013

Cass. Pen., Sez. V, n. 20060, 9 aprile 2013 (ud. 4 aprile 2013)
Presidente Ferrua, Relatore Demarchi Albengo

In tema di responsabilità da reato degli enti ex decreto 231 del 2001 la Suprema Corte ha stabilito che all’assoluzione della persona fisica imputata del reato presupposto per una causa diversa dalla rilevata insussistenza di quest’ultimo non consegua automaticamente l’esclusione della responsabilità dell’ente per la sua commissione, poiché tale responsabilità, ai sensi dell’art. 8 del d. lgs. n. 231 del 2001, deve essere affermata anche nel caso in cui l’autore del suddetto reato non sia stato identificato.

Nell’occasione i giudici di legittimità hanno avuto altresì modo di precisare che l’intervenuta prescrizione del reato presupposto successivamente alla contestazione all’ente dell’illecito non ne determina l’estinzione per il medesimo motivo, giacchè il relativo termine, una volta esercitata l’azione, non corre fino al passaggio in giudicato della sentenza che definisce il procedimento nei confronti della persona giuridica.

Per scaricare il testo della sentenza clicca qui

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, DIRITTO PENALE, Responsabilità degli enti