Decadenza Berlusconi: presentato ricorso alla Corte Europea

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 16 Settembre 2013
corte-europea

La Corte Europea di Strasburgo

Pubblichiamo il ricorso presentato alla Corte Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo da parte dei legali del Sen. Silvio Berlusconi lo scorso 7 settembre contro la sua decadenza da senatore, come previsto dalla legge Severino.

Il documento – di cui è possibile il download – fa riferimento all’articolo 7 della Convenzione Europea («Nessuna pena senza legge» in base al quale «nessuno può essere condannato per una azione o una omissione che, al momento in cui è stata commessa, non costituiva reato secondo il diritto interno o internazionale») sostenendo come la legge Severino non possa essere applicata in maniera retroattiva: l’incandidabilità e la decadenza parlamentare – si sostiene – sarebbero sanzioni di natura penale e, di conseguenza, non possono trovare applicazione retroattiva.

Sulla stessa questione nei giorni scorsi erano stati depositati 6 pareri legali (clicca qui per visualizzare l’articolo).

  • Per scaricare il ricorso clicca qui oppure visualizzalo nel riquadro qui sotto

http://www.giurisprudenzapenale.com/wp-content/uploads/2013/09/berlusconi_ricorso_strasburgo.pdf

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, DA STRASBURGO, IN PRIMO PIANO