Stalking: non è necessario l’accertamento di uno stato patologico

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 22 Maggio 2014

Cassazione Penale, Sez. V, 19 maggio 2014 (ud. 28 novembre 2013), n. 20531
Presidente Oldi, Relatore Micheli, P.G. Cedrangolo

Depositata il 19 maggio 2014 la pronuncia numero 20531 della quinta sezione penale in tema di stalking.

La Corte, in particolare, dopo aver ricordato come il perdurante e grave stato di ansia o di paura, il fondato timore per la incolumità propria o di un prossimo congiunto e l’alterazione delle abitudini di vita, costituiscono eventi di danno alternativamente contemplati dall’art. 612-bis c.p., prende posizione in ordine alla necessità, per la vittima, di dimostrare clinicamente il proprio stato di disagio psicologico. 

Considerato che la fattispecie incriminatrice di cui all’art. 612 bis c.p. non può essere considerata una duplicazione del reato di lesioni (art. 582 c.p.), ai fini della integrazione del reato di atti persecutori – specificano i giudici – non è necessario l’accertamento di uno stato patologico, in quanto è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori abbiano un effetto destabilizzante della serenità e dell’equilibrio psicologico della vittima.

In senso conforme v. Cass. Pen., Sez. V, 10-01-2011, n. 16864 (rv. 250158) secondo cui ai fini della integrazione del reato di atti persecutori non si richiede l’accertamento di uno stato patologico ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori – e nella specie costituiti da minacce e insulti alla persona offesa, inviati con messaggi telefonici o via internet o, comunque, espressi nel corso di incontri imposti – abbiano un effetto destabilizzante della serenità e dell’equilibrio psicologico della vittima, considerato che la fattispecie incriminatrice di cui all’art. 612 bis cod. pen. non costituisce una duplicazione del reato di lesioni (art. 582 cod. pen.), il cui evento è configurabile sia come malattia fisica che come malattia mentale e psicologica;

E’ stata perciò ritenuta del tutto insostenibile la tesi difensiva secondo cui, per ritenere configurabile il delitto in esame, sarebbe necessario dimostrare clinicamente lo stato di disagio psichico della vittima.

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, Delitti contro la persona, DIRITTO PENALE, Parte speciale