Riforma della corruzione: via libera al disegno di legge

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 13 Dicembre 2014

Il 12 dicembre 2014 il Consiglio dei ministri si e’ riunito per discutere, come primo punto all’ordine del giorno, il disegno di legge sulla corruzione, il cui contenuto era stato anticipato dal Premier nei giorni scorsi in un video messaggio.

Scelta, dunque, la strada del disegno di legge (e non del decreto) perché – ha spiegato il Premier – “non si fa un decreto sulla materia penale, ma si può chiedere al Parlamento di correre e noi lo facciamo“.

Questo il comunicato stampa reso noto dal Governo:

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato delle norme che saranno inserite nel disegno di legge di riforma della normativa penale sostanziale e processuale, con le quali si mira a inasprire la normativa di repressione in materia di corruzione, per un più efficace contrasto giudiziario del grave fenomeno criminale.

In particolare, si inaspriscono le pene del delitto di corruzione propria (pena minima 6 anni, pena massima 10 anni) anche al fine di aumentare i tempi di prescrizione del reato. Con l’aumento della pena minima, inoltre, si tende ad evitare che il processo possa concludersi, scegliendo il patteggiamento, con l’applicazione di pene talmente modeste da non apparire adeguate alla gravità del fatto.

La normativa, inoltre, migliora il già efficace strumento della cosiddetta confisca allargata, prevedendo che il provvedimento conservi efficacia anche quando nei successivi gradi di impugnazione sia sopravvenuta una causa estintiva del reato oggetto di accertamento.

Stabilisce, poi, che l’imputato, per chiedere il patteggiamento o l’emissione di condanna a pena predeterminata, debba restituire l’integrale ammontare del prezzo o del profitto del reato contestatogli, venendo meno in caso contrario l’ammissibilità della richiesta di definizione anticipata del giudizio. Ciò al fine di assicurare che il profitto di questi gravi delitti sia sempre oggetto di recupero a fini di confisca.

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, IN PRIMO PIANO