Il delitto di illecita combustione dei rifiuti (Tesi di laurea)

Articolo scritto da Beatrice Vista il 24 Febbraio 2016

Prof. Relatore: Vincenzo Maiello

Ateneo: Università degli Studi di Napoli Federico II

Anno accademico: 2014-2015

Il d.l. 10 dicembre 2013, n. 136, recante «Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali e a favorire lo sviluppo delle aree interessate» , poi convertito con modificazioni nella L. del 6 febbraio 2014, n. 6, ha introdotto nel Testo unico dell’ambiente l’art. 245bis, che disciplina il “delitto di illecita combustione dei rifiuti”.

Il presente elaborato si prefigge di valutare l’apporto della novella, illustrandone i profili di continuità e di innovatività rispetto alla previgente disciplina dei reati in materia, con particolare attenzione rispetto ai principi basilari del diritto penale ambientale.

Si analizzerà, inoltre, la correttezza della nuova figura delittuosa sia sotto il piano formale – soffermandosi sul tema dell’ammissibilità del ricorso a decretazione di urgenza – sia sotto il profilo contenutistico-sostanziale.

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PENALE, Parte speciale, Tesi di laurea