I medici chirurghi non rispondono delle garze abbandonate nel corpo di un paziente. Il GIP di Vercelli abbandona il principio di sfiducia tra membri di un’equipe medica e ricostruisce l’elemento colposo dei singoli componenti alla luce delle indicazioni della Legge Balduzzi

Articolo scritto da Mattia Miglio il 20 ottobre 2016

in Giurisprudenza Penale Web, 2016, 10 – ISSN 2499-846X

vercelli

Tribunale di Vercelli, Sez. GIP, ordinanza 25 luglio 2015

La presente ordinanza costituisce lo spunto per ricostruire la responsabilità colposa dei componenti di un’equipe medica coinvolti alla luce dei nuovi criteri dettati dalla recente Riforma Balduzzi e virando verso canoni tipici della c.d. responsabilità per colpa da organizzazione. Viene così accantonato il prevalente orientamento giurisprudenziale in forza del quale ogni componente del team sanitario è gravato dell’obbligo di emendare gli errori degli altri componenti, nelle ipotesi in cui l’errore sia facilmente rilevabile ed emendabile alla luce delle competenze e conoscenze comuni di un professionista medio.

Come citare il contributo in una bibliografia:
M. Miglio, I medici chirurghi non rispondono delle garze abbandonate nel corpo di un paziente. Il GIP di Vercelli abbandona il principio di sfiducia tra membri di un’equipe medica e ricostruisce l’elemento colposo dei singoli componenti alla luce delle indicazioni della Legge Balduzzi, in Giurisprudenza Penale Web, 2016, 10

Parole chiave: , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PENALE, IN PRIMO PIANO