La corruzione tra giustizia e letteratura. Dalle Verrine alla riforma del 2012: fra vecchi schemi e nuove forme di manifestazione del crimine (Tesi di laurea)

Articolo scritto da Serena Miceli il 4 gennaio 2017

Ateneo: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Anno accademico: 2015/2016

Il presente lavoro, che si propone di trovare la sua culla naturale nel filone di ricerca denominato “Giustizia e letteratura”, analizza il fenomeno della corruzione dal punto di vista letterario e prendendo le mosse dalla celebre opera di Cicerone, per arrivare alla riforma varata con la legge n. 190/2012, che ha ampiamente modificato l’intera materia dei delitti contro la Pubblica Amministrazione.

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PENALE, Tesi di laurea