Il delicato rapporto tra concordato preventivo e sequestro preventivo finalizzato alla confisca, diretta o per equivalente, nell’ambito dei reati di omesso versamento

Articolo scritto da Giancarlo Della Volpe il 26 giugno 2017

in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 6 – ISSN 2499-846X

Tribunale Santa Maria Capua Vetere – Sezione riesame, ud. 13 aprile 2017, n. 131
Urbano Presidente estensore

Con l’ordinanza oggetto di annotazione, il Tribunale di S.Maria Capua Vetere ha stabilito la natura pubblicistica del concordato preventivo aderendo ad un recente indirizzo della Corte di Cassazione e negando, per l’effetto, la prevalenza (in ogni caso) del sequestro preventivo finalizzato alla confisca sulla fruttuosa esecuzione del concordato.

Il presente contributo si propone di analizzare l’ordinanza alla luce dei principi già affermati dalla giurisprudenza di legittimità in tema di rapporto tra sequestro preventivo finalizzato alla confisca (diretta o per equivalente) e procedure concorsuali, al fine di evidenziarne gli aspetti innovativi che vanno nel senso di preservare la coerenza tra diversi settori pubblicistici dell’ordinamento.

Come citare il contributo in una bibliografia:
G. Della Volpe, Il delicato rapporto tra concordato preventivo e sequestro preventivo finalizzato alla confisca, diretta o per equivalente, nell’ambito dei reati di omesso versamento, in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 6

Parole chiave: , , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PENALE, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, IN PRIMO PIANO, MERITO