La responsabilità amministrativa da reato degli enti nei gruppi di società

Articolo scritto da Goffredo Di Nota il 26 luglio 2017

in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 7-8 – ISSN 2499-846X

Il presente contributo si propone lo scopo di fornire una completa ed approfondita analisi del tema della responsabilità amministrativa da reato degli enti  nell’ambito dei gruppi di società, nonché di ogni altro aspetto connesso alla applicazione del D.lgs. 231/01 con riferimento a tali gruppi.

Nella prima parte del presente contributo è stato affrontato il problema relativo alla applicabilità del D.lgs. 231/01 in relazione al fenomeno delle società organizzate in forma di Gruppo, al fine di comprendere se i gruppi di società rientro o meno nel novero dei soggetti destinatari della normativa in commento.

Particolare attenzione è stata dedicata all’analisi della questione relativa alla c.d estensione della responsabilità, ovvero alla possibilità, a determinate condizioni, di propagazione della responsabilità tra diverse società del Gruppo; dando conto anche degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali formatisi in materia.

Nel prosieguo della trattazione, sono stati approfonditi alcuni profili di rilievo eminentemente pratico collegati alla applicazione del D.lgs. 231/01 nei gruppi societari, quali, ad esempio, quelli relativi alla adozione ed attuazione, nell’ambito degli stessi, dei modelli organizzativi, onde valutare quali siano dal punto di vista operativo le strategie più opportune da adottare al fine di evitare la estensione della responsabilità, nonché alla nomina, la composizione ed i rapporti tra Organismi di Vigilanza.

Infine, il lavoro contiene alcune brevi considerazioni in tema di responsabilità amministrativa da reato degli enti nei gruppi transnazionali.

Come citare il contributo in una bibliografia:
G. Di Nota, La responsabilità amministrativa da reato degli enti nei gruppi di società, in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 7-8

Parole chiave: , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PENALE, Responsabilità degli enti