Confronto fra linguaggi penalistici: il linguaggio francese e il linguaggio italiano (Tesi di laurea)

Articolo scritto da Alessandro Arlotto il 15 Dicembre 2017

Prof. Relatore: Giorgio Licci

Ateneo: Università degli studi di Torino

Anno accademico: 2012-2013

La tesi analizza e confronta il linguaggio penalistico di Francia e Italia attraverso i filtri epistemologici offerti dalla scienza comparatistica.

Il lavoro ha inizio con la ricerca della definizione di linguaggio e del ruolo che esso esercita nella individuazione delle famiglie penalistiche.

La trattazione prosegue dedicando ad ogni formante dei sistemi posti a confronto (in particolare, il formante legale, giurisprudenziale e sapienziale) una specifica analisi. Il capitolo che tratta del linguaggio della legge penale compie una disamina storico-comparativa della codificazione penale francese e italiana, evidenziandone i punti più problematici.

Segue poi il capitolo inerente l’indagine sul linguaggio impiegato dalle Corti dei rispettivi Paesi, nonché l’analisi della sentenza come vero e proprio genere letterario, senza trascurare fenomeni idiosincratici della pratica giurisprudenziale, quale l’applicazione criptica dei principi della responsabilità oggettiva.

L’ultimo capitolo, infine, prende in considerazione il ruolo e lo stile che il formante sapienziale si è ritagliato, storicamente ed attualmente, negli ordinamenti giuridici dei due Stati.

L’elaborato termina esaminando le principali creazioni della dottrina francese e italiana, tra le quali il principio di legalità e i suoi corollari, le varie teoriche della colpevolezza e il tentativo, avendo cura di controllarne il grado di coerenza intra ed extra-sistemica.

a cura del Prof. Giorgio Licci

Parole chiave:

Categorie: DIRITTO PENALE, Tesi di laurea