Confisca per equivalente e illecito amministrativo di abuso di informazioni privilegiate: sollevata questione di legittimità costituzionale.

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 9 gennaio 2018

Cassazione Civile, Sez. II, 29 dicembre 2017 (ud. 14 settembre 2017), n. 31143
Presidente Petitti, Relatore Falaschi

Segnaliamo l’ordinanza con cui la seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha sollevato una questione di legittimità costituzionale dell’art. 9, comma 6, della Legge n. 62 del 2005 laddove prevede che la confisca per equivalente, disciplinata dall’art. 187 sexies del TUF (D.Lgs. 24-2-1998 n. 58 – Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria), si applica, allorché il procedimento penale non sia stato definito, anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore della stessa legge n. 62 del 2005 (che le ha depenalizzate introducendo l’autonomo illecito amministrativo di abuso di informazioni privilegiate configurato dall’art. 187-bis TUF) e ciò pur quando il complessivo trattamento sanzionatorio generato attraverso la depenalizzazione sia in concreto meno favorevole di quello applicabile in base alla legge vigente al momento della commissione del fatto.

Categorie: ARTICOLI, DIRITTO PENALE