Riqualificazione giuridica del fatto in sede di legittimità: la configurabilità del potere in oggetto al vaglio della Suprema Corte in un caso di presunta frode informatica.

Articolo scritto da Enzo Tomasinelli il 20 Gennaio 2018

in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 1 – ISSN 2499-846X

Cassazione penale, Sez. VI, 13 settembre 2017 (ud. 20 giugno 2017), N. 41767
Presidente Paoloni, Relatore Di Stefano

Il presente contributo affronta la questione della riqualificazione in sede di giudizio di legittimità di condotte ritenute sussumibili nei gradi di merito sotto l’alveo di cui all’art.640ter c.p. (frode informatica) e solo dinnanzi alla Corte di Cassazione considerate integranti la fattispecie di truffa di cui all’art.64o c.p.

Come citare il contributo in una bibliografia:
E. Tomasinelli, Riqualificazione giuridica del fatto in sede di legittimità: la configurabilità del potere in oggetto al vaglio della Suprema Corte in un caso di presunta frode informatica., in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 1

Parole chiave: , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PROCESSUALE PENALE