Detenzione in condizioni non conformi all’art. 3 CEDU: il diritto all’indennizzo si prescrive in dieci anni

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 9 maggio 2018

Cassazione Civile, Sezioni Unite, 8 maggio 2018 (ud. 30 gennaio 2018), n. 11018
Presidente Mammone, Relatore Curzio

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione hanno affermato che il diritto ad una somma di denaro pari a otto euro per ciascuna giornata di detenzione in condizioni non conformi ai criteri di cui all’art. 3 della Convenzione dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, previsto dall’art. 35-ter, terzo comma, ord. pen., si prescrive in dieci anni, che decorrono dal compimento di ciascun giorno di detenzione nelle su indicate condizioni.

Coloro che abbiano cessato di espiare la pena detentiva prima dell’entrata in vigore della nuova normativa, se non sono incorsi nelle decadenze previste dall’art. 2 d.l. 92/2014 convertito in L. 117/2014, hanno anch’essi diritto all’indennizzo ex art. 35-ter, terzo comma, ord. pen., il cui termine di prescrizione in questo caso non opera prima del 28 giugno 2014, data di entrata in vigore del decreto legge.

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, Diritto Penitenziario