Omesso o ritardato versamento della tassa di soggiorno e peculato: profili sostanziali ed esecutivi a seguito dell’entrata in vigore della c.d. Legge spazzacorrotti.

Articolo scritto da Francesco Bico il 1 Novembre 2019

in Giurisprudenza Penale, 2019, 11 – ISSN 2499-846X

di Francesco Bico e Gabriele Corinaldesi

Gli autori, dopo un breve resoconto in merito alla disciplina dell’imposta di soggiorno ed alla qualifica, di derivazione giurisprudenziale, dei soggetti incaricati della sua riscossione quali agenti contabili, giungono ad esaminare i recenti arresti della Cassazione penale sulla contestabilità del peculato in caso di ritardato o omesso versamento dell’imposta, che comporta gravi conseguenze dovute all’introduzione del peculato fra i reati ostativi da parte della cd. Legge Spazzacorrotti.

Come citare il contributo in una bibliografia:
F. Bico – G. Corinaldesi, Omesso o ritardato versamento della tassa di soggiorno e peculato: profili sostanziali ed esecutivi a seguito dell’entrata in vigore della c.d. Legge spazzacorrotti, in Giurisprudenza Penale Web, 2019, 11

Parole chiave: , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, delitti contro la pubblica amministrazione, DIRITTO PENALE, Legilsazione speciale, Parte speciale