Il 41 bis tra simbolo e realtà penitenziaria: La prospettiva del magistrato di sorveglianza e la tutela dei diritti

Articolo scritto da Fabio Gianfilippi il 8 Gennaio 2020

in Giurisprudenza Penale Web, 2020, 1-bis – ISSN 2499-846X

L’intervento si propone di indagare il ruolo attribuito al magistrato di sorveglianza nella tutela dei diritti dei detenuti sottoposti al regime differenziato di cui all’art. 41-bis OP, attraverso una analisi dell’istituto, e degli strumenti offertigli dall’ordinamento penitenziario, che si sforza di guardare oltre il valore simbolico della norma, per salvaguardarne invece il suo fondamentale obbiettivo di contrasto alla criminalità organizzata mediante la separazione dei detenuti più pericolosi dai loro gruppi criminali ancora operanti nei territori.

Come citare il contributo in una bibliografia:
F. Gianfilippi, Il 41 bis tra simbolo e realtà penitenziaria: La prospettiva del magistrato di sorveglianza e la tutela dei diritti, in Giurisprudenza Penale Web, 2020, 1-bis

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, Diritto Penitenziario, IN PRIMO PIANO