Continuazione tra reati puniti con pene eterogenee: depositate le motivazioni delle Sezioni Unite

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 25 settembre 2018

Cassazione Penale, Sezioni Unite, 24 settembre 2018 (ud. 21 giugno 2018), n. 40983
Presidente Carcano, Relatore Lapalorcia

Come avevamo anticipato, con ordinanza n. 16104/2018 erano state rimesse alle Sezioni Unite le seguenti questioni di diritto: «se sia configurabile la continuazione tra reati puniti con pene eterogenee» e «se, nel caso in cui il reato più grave sia punito con la pena detentiva e quello satellite esclusivamente con la pena pecuniaria, l’aumento di pena per quest’ultimo debba conservare il genere di pena per esso prevista».

In data 24 settembre 2018, sono state depositate le motivazioni della sentenza n. 40983 con cui sono stati affermati i seguenti principi di diritto:

– «la continuazione, quale istituto di carattere generale, è applicabile in ogni caso in cui più reati siano stati commessi in esecuzione del medesimo disegno criminoso, anche quando si tratti di reati appartenenti a diverse categorie e puniti con pene eterogenee»;

– «nei casi di reati puniti con pene eterogenee (detentive e pecuniarie) posti in continuazione, l’aumento di pena per il reato satellite va comunque effettuato secondo il criterio della pena unitaria progressiva per moltiplicazione, rispettando tuttavia, per il principio di legalità della pena e del favor rei, il genere della pena previsto per il reato satellite, nel senso che l’aumento della pena detentiva del reato più grave andrà ragguagliato a pena pecuniaria ai sensi dell’art. 135 cod. pen.».

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, Dalle Sezioni Unite, DIRITTO PENALE