Carmelo Minnella

Carmelo Minnella Giurisprudenza PenaleAvvocato e Docente di “Diritto Penale I” nell’ambito del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza della Link Campus University di Roma (Sez. distaccata di Catania) per gli anni accademici 2012/2013 e 2013/2014.

Si laurea in giurisprudenza nel 2002 con 110/110 e lode, presso l’Università degli studi di Catania (tesi in Diritto Penale e Diritto Penitenziario su “Un contributo al principio rieducativo della pena”; argomento discusso nella seduta di laurea: l’art. 41-bis ord. penit. e la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo) e dal 2005 è avvocato penalista presso l’Ordine degli Avvocati di Catania. Dal 2000 al 2008, membro del Centro di Diritto Penale Europeo di Catania. Dal 2014, membro della Camera Minorile di Catania e dell’area di studi penale e membro del Centro di Ricerca della Link Campus University di Catania.

Pubblicista e Collaboratore della riviste online Diritto e Giustizia (Giuffré), Il Quotidiano Giuridico IPSOA, Guida al Diritto e Il Sole24Ore, conta diverse pubblicazioni su riviste scientifiche a diffusione nazionale.

Monografie:
– La tutela della famiglia e dei minori: risarcimento, ordini di protezione, atti vessatori, stalking, Expertà, Forlì, 2012, pp. 1-607.

Pubblicazioni:
– Divieto di avvicinamento e ordine di protezione europeo: il difficile equilibrio tra la tutela “dinamica” alle vittime di stalking e le libertà dell’imputato (nota a Cass. pen., sez. V, 9 settembre 2013, n. 36887), Cassazione Penale, 2014, n. 6, p. 2211-2219;
– Il dolo degli atti persecutori si configura anche se manca la rappresentazione anticipata dell’evento (osservazioni a Cass. pen., sez. V, 15 maggio 2013, n. 20993), Cassazione Penale, 2013, n. 12, 4447-4451;
– Eventi del delitto di atti persecutori ex art. 612-bis c.p. tra carenze oggettive e difficoltà di accertamento processuale, (nota a Cass. pen., sez. V, 18 giugno 2012, n. 24135), Cassazione Penale, 2013, n. 1, pp. 154-162;
– Restano incerti i confini della punibilità del delitto di atti persecutori (nota a Cass. pen., sez. V, 30 agosto 2010, n. 32404 e Cass. pen., sez. V, 5 luglio 2010, n. 25527), Cassazione Penale, 2011, n. 3, pp. 968-977;
– Non condivisibile l’esclusione della prescrizione patrimoniale ex art. 282-bis, comma 3, c.p.p. alle misure cautelari diverse dall’allontanamento dalla casa familiare (nota a Cass. pen., sez. VI, 23 luglio 2009, n. 30736), Cassazione Penale, 2010, n. 7/8, pp. 2772, 2781.
– Ordine di protezione contro gli abusi familiari: nel bilanciamento di interessi prevale quello delle vittime di violenze domestiche (nota a Tribunale di Monza, IV sezione, 7 maggio 2012), Giurisprudenza di Merito, 2013, n. 2, pp. 296-311;
– Ordini di protezione contro gli abusi familiari ex artt. 342-bis e 342-ter e uso delle telecamere riprendenti le violenze domestiche, (nota a Tribunale di Monza, 28 febbraio 2012), Giurisprudenza di Merito, 2012, n. 9, pp.1810-1822;
– Spazi sempre più ampi per le esimenti della critica e satira politica nella diffamazione a mezzo stampa, (nota a Corte Appello Catania, 3 giugno 2005), Giurisprudenza di Merito, 2006, n. 4, pp. 991-997;
– Presupposti applicativi dell’allontanamento dalla casa familiare ex art. 282-bis c.p.p. (nota a G.I.P. Tribunale Catania, 2 ottobre 2004), Giurisprudenza di Merito, 2005, n. 2, pp. 354-361.
– Atti persecutori post separazione: inquadramento giuridico e tutela cautelare, (nota a Cass. pen., sez. V, 14 giugno 2012, n. 23626), Il Diritto di Famiglia e delle Persone, 2012, n. 4, pp. 1589-1608;
– Escluso il pagamento periodico di un assegno ex art. 282-bis, comma 3, c.p.p. nel caso delle misure cautelari personali diverse dall’allontanamento dalla casa familiare, Il Diritto di Famiglia e delle Persone, 2010, n. 2, pp. 583-597;
– L’allontanamento dalla casa familiare ex art. 282-bis c.p.p.: problemi e prospettive, Il Diritto di Famiglia e delle Persone, 2006, n. 1, pp. 385-424;
– La Cassazione traccia la linea di confine tra il reato di maltrattamenti in famiglia e quello di stalking (nota a Cass. pen., sez. V, 20 giugno 2012, n. 24575), Diritto Penale Contemporaneo, in http://www.penalecontemporaneo.it (20 luglio 2012).
– Illogico negare il divieto di avvicinamento se le molestie all’ex configurano lo stalking (nota a Cass. pen., sez. V, 11 febbraio 2014, n. 6384), Famiglia e Diritto, 2014, n. 6, pp. 570-578;
– Responsabilità penale ex art. 615-bis c.p. dell’investigatore privato che riprende incontro tra amanti (nota a Cass. pen., sez. V, 8 marzo 2012, n. 9235), Famiglia e Diritto, 2012, n. 8/9, pp. 788-794;
– L’assegno di mantenimento disposto dal giudice penale: contributo agli artt. 282-bis comma 3 e 291 comma 2-bis c.p.p., Famiglia e Diritto, 2010, n. 2, pp. 199-212.
– Spazi sempre più ampi per lo stalking condominiale e la sua tutela cautelare (nota a G.I.P. Tribunale di Padova, 15 febbraio 2013), Il Corriere del merito, 2013, n. 6, pp. 652-662.
– Ingiurie del lavoratore verso il datore di lavoro: conseguenze disciplinari, Diritto e Pratica del lavoro, 2012, n. 44, pp. 2795-2799.
– Mobbing, straining e diritto penale: un rapporto difficile, (nota a Cass. pen., sez. VI, 3 luglio 2013, n. 28603), Diritto e Pratica del lavoro, 2014, n. 9, pp. 531-542.
– Effetti della sentenza penale irrevocabile di assoluzione sul licenziamento disciplinare (nota a Cass. civ., sez. Lav., 8 ottobre 2012, n. 17090), Lavoro e Previdenza Oggi, 2013, n. 9/10, pp. 543-559.
– Stalking condominiale: una triste storia di persecuzione ai danni del fratello vicino di casa, Rivista Penale, 2014, n. 1, pp. 64-69.
– Stalking condominiale: inquadramento giuridico e tutela cautelare in ambito amministrativo e penale, Rivista Penale, 2013, n. 7/8, pp. 749-761.
– Divieto di avvicinamento anti-stalking ex art. 282-ter c.p.p.: il conflitto in Cassazione sui contenuti della misura cautelare, Archivio della Nuova Procedura Penale, 2014, n. 4, pp. 379-385.
– I diversi gradi di flessibilità del divieto di avvicinamento (nota a Cass. pen., sez. VI, 28 marzo 2014, n. 14766), in Guida al diritto, 2014, n. 18, pp. 89-92.
– Principio in linea con il processo di sensibilizzazione per la tutela degli individui che subiscono violenze (nota a Cass. pen., sez. V, 11 aprile 2012, n. 13568), in Guida al diritto, 2012, n. 24, pp. 90-93;
– Il Giudice elenca i mezzi di comunicazione vietati dal telefono alle e-mail (nota a G.I.P. Tribunale Catania, 2 ottobre 2009), in Famiglia e Minori, 2010, n. 1, pp. 60-62;
– Maltrattamenti in famiglia, Ipotesi di reato distinte solo se muta la volontà, in Norme e tributi, 1 ottobre 2012, 6.
– Lo stalking tra criminologia, giurisprudenza e recenti modifiche legislative, in Rassegna Penitenziaria e Criminologica, 2013, n. 3pp. 70-104
– Messa alla prova: rimessa alle Sezioni Unite la questione sull’applicabilità del probation ai processi in corso (Nota a Cass. pen., sez. IV, ordinanza 11 luglio 2014 n. 30599), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (14 luglio 2014);
– Messa alla prova: la natura sostanziale dell’istituto comporta l’applicazione anche ai fatti pregressi e per i procedimenti pendenti (Nota a Trib. Torino, ordinanza 21 maggio 2014), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (2 luglio 2014);
– Braccialetto elettronico: modalità “ordinaria” di esecuzione della custodia domestica (Nota a Tribunale di Catania, sez. G.I.P., ordinanza 16.5.2014), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (19 giugno 2014);
– Molestie: la sottile e difficile linea di confine tra il reato abituale e quello abituale (Nota a Cass. pen., sez. I, 5 giugno 2014 n. 23619), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (6 giugno 2014);
– La violenza di genere e il triangolo perverso: atti persecutori, vittima e carnefice (introduzione al mio intervento nell’omonima conferenza del 30 e 31 maggio 2014 organizzata dalla Link Campus University di Catania, dal SIULP e dall’AIPG), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (27 maggio 2014);
– Atti persecutori: per la configurabilità dello stalking non occorre l’accertamento di uno stato patologico (Nota a Cass. pen., sez. V, 19 maggio 2014 n. 20531), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (20 maggio 2014);
– Stalking: dall’arresto in flagranza, al divieto di avvicinamento, alla sentenza di condanna (Nota a Trib. Catania, sez. II penale, 22 aprile 2014, pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (12 maggio 2014);
– Atti persecutori: con il reato di stalking si è inteso anticipare la tutela della libertà personale e dell’incolumità psico-fisica (Nota a Cass. pen., sez. V, 8 maggio 2014 n. 18999), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (9 maggio 2014);
– Atti sessuali con minorenne: consenso della vittima: indice fondamentale per valutare la modesta lesività del bene giuridico (Nota a Cass. pen., sez. III, 29 aprile 2014 n. 17860), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (30 aprile 2014);
– Atti persecutori: due distinte denunce per molestie confluiscono nell’unica condanna per stalking (Nota a Cass. pen., sez. V, 3 febbraio 2014 n. 5206), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (4 febbraio 2014);
– Atti persecutori: un bacio in macchina per riconquistarla … ma oltre allo stalking scatta la violenza sessuale e il sequestro di persona (Nota a Cass. pen., sez. V, 21 novembre 2013 n. 46446), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (22 novembre 2013);
– Stalking: bastano due sole condotte persecutorie per integrare il reato (Nota a Cass. pen., sez. III, 14 novembre 2013 n. 45648), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (15 novembre 2013);
– Molestie telefoniche punibili solo a titolo di dolo (Nota a Cass. pen., sez. I, 31 luglio 2013 n. 33267), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (2 agosto 2013);
– Violenza sessuale: la valutazione di manifesta infondatezza della richiesta di revisione non può dar luogo ad un’anticipazione del giudizio di merito (Nota a Cass. pen., sez. IV, 23 luglio 2013 n. 31922), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (24 luglio 2013);
– Maltrattamenti e violenza sessuale: possibile l’assorbimento del delitto di maltrattamenti in famiglia in quello di violenza sessuale (Nota a Cass. pen., sez. III, 11 luglio 2013 n. 29742), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (12 luglio 2013);
– Maltrattamenti in famiglia e atti persecutori: se è cessato il vincolo familiare niente maltrattamenti: è “solo” stalking (Nota a Cass. pen., sez. V, 7 maggio 2013 n. 19545), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (8 maggio 2013);
– Omicidio colposo: scontro mortale per condizioni di visibilità troppo precarie: non c’è stata alcuna violazione della regola cautelare (Nota a Tribunale di Catania, sez. G.I.P., sentenza n. 1351/13; depositata il 28 gennaio), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (6 marzo 2013);
– Assegno di mantenimento: contano i redditi dichiarati a prescindere dall’effettivo incasso (Nota a Corte Appello Catania, sez. Famiglia, 17 dicembre 2012), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (14 gennaio 2013);
– L’invio di messaggi tramite e-mail alla ex non integra il reato di molestia (Nota a Cass. pen., sez. feriale, 16 novembre 2012 n. 44855), pubblicato in http://www.dirittoegiustizia.it (19 novembre 2012);