Legittimazione a costituirsi parte civile nel processo penale per i reati di ostacolo alle funzioni di vigilanza delle autorità pubbliche

Articolo scritto da Federico Boncompagni il 20 Ottobre 2016

in Giurisprudenza Penale Web, 2016, 10 – ISSN 2499-846X

Il seguente contributo si propone di fornire un quadro il più possibile completo sulle problematiche inerenti la questione della legittimazione a costituirsi parte civile nel processo penale per i reati di cui all’art. 2638 c.c. In particolar modo, ci si sofferma sul rapporto che dovrebbe intercorrere tra il reato e il danno legittimante la costituzione di parte civile nel relativo processo penale.

Attraverso un percorso che muove dalle fondamenta dell’istituto previsto dagli artt. 74 ss. c.p.p. e 185 c.p. e dalle finalità del processo penale si arriva ad una critica della possibilità di esercitare l’azione civile in sede penale ogni qualvolta si proceda all’accertamento di fatti ricondotti nell’alveo delle fattispecie di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza.

Come citare il contributo in una bibliografia:
F. Boncompagni, Legittimazione a costituirsi parte civile nel processo penale per i reati di ostacolo alle funzioni di vigilanza delle autorità pubbliche, in Giurisprudenza Penale Web, 2016, 10

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, IN PRIMO PIANO