Imputati minorenni: alle Sezioni Unite la competenza per il giudizio abbreviato a seguito di rito immediato

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 13 Gennaio 2014

Con un’ordinanza depositata il 18 dicembre 2013 la seconda sezione penale ha rimesso alle sezioni unite la seguente questione di diritto:

Se nel procedimento a carico di imputati minorenni, la competenza per il giudizio abbreviato, instaurato a seguito di decreto di giudizio immediato, spetti al giudice per le indagini preliminari ovvero al giudice dell’udienza preliminare nella composizione collegiale, prevista dall’art. 50 bis del r.d. 30 gennaio 1941, n. 12.”.

Nell’ordinanza di rimessione i giudici della seconda sezione mostrano di condividere la tesi esposta dal Procuratore Generale presso la Corte di appello di Bologna secondo cui sarebbe corretto ritenere che debba essere il G.U.P. (Tribunale per i minorenni nella composizione prevista per l’udienza preliminare: organo collegiale formato da due giudici onorari e un solo magistrato togato) e non il G.I.P. (magistrato togato, organo monocratico) a dover giudicare nel caso di giudizio abbreviato instaurato a seguito di giudizio immediato di un minorenne.

Tuttavia – si osserva – la giurisprudenza è orientata in senso contrario, poiché ritiene che nel caso di giudizio abbreviato instaurato a seguito di giudizio immediato di un minorenne sia il G.I.P. ad essere competente e non già il G.U.P. (si vedano a titolo esemplificativo: Sez. 4, Sentenza n. 38481 del 16/09/2008 Cc. -dep. 09/10/2008 -Rv. 241552; Sez. 6, Sentenza n. 14389 del 05/02/2009 Cc. -dep. 01/04/2009 -Rv. 243254).

Perciò è apparso opportuno rimettere la questione alle Sezioni Unite per evitare di dar luogo ad indirizzi giurisprudenziali contrastanti.

L’udienza si terrà il 27 febbraio 2014.

Per scaricare l’ordinanza di rimessione clicca qui.

Categorie: ARTICOLI, Dalle Sezioni Unite, DIRITTO PROCESSUALE PENALE