Imputati minorenni: è competente il GUP per l’abbreviato a seguito di decreto di immediato

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 28 febbraio 2014

1164Cassazione Penale, Sezioni Unite, udienza 27 febbraio 2014
Presidente Santacroce, Relatore Conti

Si segnala ai lettori la notizia della decisione delle Sezioni Unite in merito alla competenza per il giudizio abbreviato, instaurato a seguito di decreto di giudizio immediato nel caso di imputati minorenni.

Come avevamo anticipato, infatti, il 18 dicembre 2013 con l’ordinanza numero 51141 (per scaricare l’ordinanza di rimessione clicca qui) era stata rimessa alle Sezioni Unite la seguente questione di diritto:

Se nel procedimento a carico di imputati minorenni, la competenza per il giudizio abbreviato, instaurato a seguito di decreto di giudizio immediato, spetti al giudice per le indagini preliminari ovvero al giudice dell’udienza preliminare nella composizione collegiale, prevista dall’art. 50 bis del r.d. 30 gennaio 1941, n. 12.”.

Ieri, 27 febbraio 2014, la Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha risposto al quesito fornendo la seguente soluzione: spetta al giudice dell’udienza preliminare nella composizione collegiale.

Le Sezioni Unite hanno così condiviso la tesi esposta nella stessa ordinanza di rimessione secondo cui sarebbe corretto ritenere che debba essere il G.U.P. (Tribunale per i minorenni nella composizione prevista per l’udienza preliminare: organo collegiale formato da due giudici onorari e un solo magistrato togato) e non il G.I.P. (magistrato togato, organo monocratico) a dover giudicare nel caso di giudizio abbreviato instaurato a seguito di giudizio immediato di un minorenne.

Naturalmente, per conoscere il percorso motivazionale seguito dalle Sezioni Unite si dovrà attendere il deposito delle motivazioni.

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, Dalle Sezioni Unite, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, IN PRIMO PIANO, Indagini e processo