Rogo Thyssen Krupp, la sentenza della Cassazione: escluso il dolo eventuale

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 24 Aprile 2014
thyssenkrupp

(Foto blogosfere.it)

Era prevista per il 24 aprile 2014, l’udienza davanti alle Sezioni Unite sul caso Thyssen Krupp relativo alla tragedia avvenuta nell’acciaieria di Torino dove, nel dicembre 2007, persero la vita sette operai.

Le tappe della vicenda processuale sono ormai note: in primo grado, il 14 novembre 2011, con una sentenza che il Procuratore Raffaele Guariniello definì “storica”, la Corte d’Assise di Torino condannava diversi dirigenti della Thyssen Krupp per omicidio volontario nella forma attenuata del dolo eventuale stabilendo condanne a 16 anni e 6 mesi per  l’amministratore delegato Harald Esphenhahn e pene tra i 13 anni e mezzo e i 10 anni e 10 mesi per altri 5 dirigenti dello stabilimento di Torino. In appello, nel febbraio 2013, la prima sezione della Corte di Assise di Appello di Torino riduceva le condanne (l’amministratore delegato, in particolare, si vedeva ridurre la pena da 16 anni e mezzo a dieci anni) respingendo la tesi del dolo eventuale e qualificando le condotte degli imputati nei termini di omicidio colposo aggravato dalla colpa cosciente (o con previsione) ex art. 61 n.3 c.p.

Il 29 novembre 2013, il Primo Presidente della Corte di Cassazione Giorgio Santacroce, alla luce dell’esistenza di un contrasto giurisprudenziale sui i criteri di demarcazione della figura del dolo eventuale e della colpa cosciente – questione, evidentemente, ritenuta rilevante ai fini della decisione da assumere – oltre che per la speciale importanza delle questioni implicate dai ricorsi, li assegnava ex art. 610 c. 2 c.p.p alle Sezioni Unite. Nello specifico, veniva formulato il seguente quesito: «Se la irragionevolezza del convincimento prognostico dell’agente circa la non verificazione dell’evento comporti la qualificazione giuridica dell’elemento psicologico del delitto in termini di dolo eventuale».

Nel primo pomeriggio di oggi, il sostituto procuratore generale della Cassazione Carlo Destro, nella sua requisitoria, ha sostenuto la tesi della colpa cosciente: «I manager e i dirigenti chiamati a rispondere della morte dei sette operai facevano affidamento sulla capacità dei lavoratori di bloccare gli incendi. Chi agisce nella speranza di evitare un evento evidentemente, se l’evento si verifica, non può averlo voluto».

In tarda serata arriva il verdetto delle Sezioni Unite che hanno confermato la responsabilità degli imputati per omicidio colposo (esclusa, quindi, l’ipotesi di omicidio volontario nella forma del dolo eventuale) ma hanno annullato una parte della sentenza di appello rinviando ad altra sezione della Corte d’assise d’Appello di Torino per la rideterminazione delle pene. Sono, dunque, divenute irrevocabili le parti della sentenza relative alla responsabilità degli imputati in ordine al reato di omicidio colposo.

Questo il dispositivo della sentenza:

«Annulla senza rinvio la sentenza impugnata limitatamente alla ritenuta esistenza della circostanza aggravante di cui al capoverso dell’art. 437 Cp ed al conseguente assorbimento del reato di cui all’articolo 449 Cp;
Dispone trasmettersi gli atti ad altra sezione della Corte d’assise d’Appello di Torino per la rideterminazione delle pene in ordine ai reati di cui agli articoli 437, comma 1, 589, commi 1, 2, 3, 61 n.3, 449 in relazione agli art 423 e 61 n.3 Cp;
Rigetta nel resto i ricorsi del procuratore generale e degli imputati;
Rigetta il ricorso della persona giuridica Thyssenkrupp acciai speciali Terni spa che condanna al pagamento delle spese processuali. Condanna in solido gli imputati ed il responsabile civile Thyssenkrupp acciai speciali Terni spa alla rifusione delle spese sostenute nel presente giudizio dalla parte civile ‘Medicina Democratica’ che liquida in complessivi euro 7 mila oltre accessori come per legge;
Infine, visto l’art. 624, comma 2 Cpp dichiara irrevocabili le parti della sentenza relative alla responsabilità degli imputati in ordine ai reati sopraindicati».

Naturalmente, per conoscere le argomentazioni dei giudici si dovrà attendere il deposito delle motivazioni.

***

AGGIORNAMENTO:  il 18 settembre 2014 sono state depositate le motivazioni delle Sezioni Unite

Parole chiave: , , , ,

Categorie: ARTICOLI, Dalle Sezioni Unite, DIRITTO PENALE, IN PRIMO PIANO