Sezioni Unite: il decreto di sequestro probatorio deve contenere una specifica motivazione in relazione alla finalità perseguita per l’accertamento dei fatti anche laddove abbia ad oggetto cose costituenti corpo di reato

Articolo scritto da Cecile Nosal il 4 settembre 2018

in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 9 – ISSN 2499-846X

Cassazione Penale, Sez. Un., 27 luglio 2018 (ud. 19 aprile 2018), n. 36072
Presidente Carcano, Relatore Andreazza

Nel contributo viene commentata la pronuncia n. 36072 del 2018, con cui le Sezioni Unite della Corte di cassazione hanno affermato che il decreto di sequestro probatorio, così come l’eventuale decreto di convalida, anche qualora abbia ad oggetto cose costituenti corpo di reato, deve contenere una specifica motivazione in ordine alla finalità perseguita per l’accertamento dei fatti.

Come citare il contributo in una bibliografia:
C. Nosal, Sezioni Unite: il decreto di sequestro probatorio deve contenere una specifica motivazione in relazione alla finalità perseguita per l’accertamento dei fatti anche laddove abbia ad oggetto cose costituenti corpo di reato, in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 9

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, Dalle Sezioni Unite, DIRITTO PROCESSUALE PENALE