Il delitto di stalking tra profili criminologici e nodi irrisolti: Corte Cost. 172 del 2014 e successiva giurisprudenza di legittimità

Articolo scritto da Orazio Longo il 29 Dicembre 2015

Il testo, dopo aver brevemente ripercorso le tappe che hanno portato all’attuale formulazione del delitto di atti persecutori ed evidenziato gli elementi costitutivi del reato, inquadra il fenomeno dello stalking sotto il profilo criminologico, sottolineando le difficoltà di tipizzazione della condotta penalmente rilevante incontrate dal legislatore del 2009 e le successive critiche mosse dagli interpreti nei confronti dell’art. 612 bis c.p.

Si prosegue esaminando la sentenza della Corte Costituzionale n. 172/2014 e l’interpretazione costituzionalmente conforme della previsione sposata dalla Consulta.

Si passano in rassegna, poi, le critiche mosse dalla dottrina alla predetta ricostruzione nonché, infine, le principali decisioni della Corte di Cassazione che hanno seguito il pronunciamento del Giudice delle leggi e i nodi irrisolti che potrebbero portare ad un’ulteriore rimessione della questione al vaglio della Consulta.

Parole chiave: ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, Delitti contro la persona, DIRITTO PENALE, Parte speciale