A caccia di… prove. L’ordine europeo di indagine penale tra complesse stratificazioni normative e recepimento nell’ordinamento italiano

Articolo scritto da Stefano Montaldo il 5 novembre 2017

in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 11 – ISSN 2499-846X

Lo scritto affronta brevemente, da una prospettiva di diritto dell’Unione europea, le principali questioni aperte legate al recepimento della direttiva 2014/41/UE relativa all’ordine europeo di indagine penale.

L’analisi descrive la frammentazione normativa derivante dalla mancata partecipazione di alcuni Stati membri all’adozione di questa direttiva e dal parziale coinvolgimento di alcuni Stati terzi, per poi considerare le criticità connesse al coordinamento della disciplina in esame con le fonti sovranazionali preesistenti.

Infine, vengono proposte alcune brevi notazioni sul recepimento – complessivamente di soddisfacente qualità – della direttiva nell’ordinamento italiano, mediante d.lgs. n. 108 del 2017 (per il testo del decreto, clicca qui).

Come citare il contributo in una bibliografia:
S. Montaldo, A caccia di… prove. L’ordine europeo di indagine penale tra complesse stratificazioni normative e recepimento nell’ordinamento italiano, in Giurisprudenza Penale Web, 2017, 11

Parole chiave: , ,

Categorie: ARTICOLI, CONTRIBUTI, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, Global Perspectives, IN PRIMO PIANO