La confisca nei reati tributari: ermeneutici correttivi e problemi irrisolti

Articolo scritto da Giancarlo Della Volpe il 2 aprile 2018

in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 4 – ISSN 2499-846X

Cassazione Penale, Sez. III, 27 febbraio 2018 (ud. 30 ottobre 2017), n. 8995
Presidente Cavallo, Relatore Andreazza

La Corte di Cassazione, con una recente sentenza, è tornata sul tema della confisca nei reati tributari, apportando dei “correttivi” ai principi affermati nelle recenti pronunce a Sezioni Unite.

Il presente contributo, dopo aver ripercorso l’evoluzione giurisprudenziale in materia di “profitto” e “nesso di pertinenzialità” con riferimento alla confisca diretta, analizza i principi “innovativi” affermati dalla sentenza in commento. In particolare, il recente arresto giurisprudenziale sembra aver conferito nuovamente importanza al nesso di pertinenzialità con riguardo alla confisca di denaro.

Il contributo approfondisce, infine, le problematiche proprie della confisca per equivalente nel settore penal-tributario, con possibili conseguenze sotto il profilo di legittimità costituzionale della relativa disciplina.

Come citare il contributo in una bibliografia:
G. Della Volpe, La confisca nei reati tributari: ermeneutici correttivi e problemi irrisolti, in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 4

Parole chiave:

Categorie: ARTICOLI, DIRITTO PENALE, IN PRIMO PIANO