Sulla notifica nel caso di mancato assenso del difensore d’ufficio domiciliatario alla elezione di domicilio (art. 162 c.4-bis c.p.p.) e assenza di una nuova e diversa elezione di domicilio

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 27 Giugno 2019

Cassazione Penale, Sez. II, 25 giugno 2019 (ud. 3 maggio 2019), n. 27935
Presidente Cammino, Relatore Alma

In tema di notificazioni presso il difensore di ufficio indicato come domiciliatario, si è affermato che, laddove quest’ultimo non accetti tale veste come consentito dall’art. 162 c.4-bis c.p.p. (ai sensi del quale «l’elezione di domicilio presso il difensore d’ufficio non ha effetto se l’autorità che procede non riceve, unitamente alla dichiarazione di elezione, l’assenso del difensore domiciliatario»), se l’imputato non provveda ad effettuare una nuova e diversa elezione di domicilio, si deve procedere comunque mediante notifica allo stesso difensore ai sensi dell’art. 161 c. 4 c.p.p., diversamente determinandosi una situazione di stallo non superabile.

Sulla premessa che è facoltà dell’imputato quella di dichiarare o eleggere domicilio ai sensi dell’art. 161 c.1 c.p.p. – si legge nella sentenza – «è però anche onere dell’individuo che ha provveduto alla elezione di domicilio, quello di conservare, entro il limite della esigibilità della condotta diligente, i rapporti con il domicilio eletto, onde mantenersi nella condizione di essere effettivamente e tempestivamente informato in ordine alla esistenza di notificazioni concernenti il procedimento in questione. Tale onere deve ritenersi ricorrere anche nell’ipotesi in cui la elezione sia stata effettuata presso il difensore di ufficio dell’indagato dovendosi ritenere che, proprio attraverso la indicazione del difensore di ufficio quale domiciliatario si sia instaurato un rapporto che, sebbene non possa dirsi equiparato al mandato professionale fiduciario, costituisce un indice dell’esistenza di un legame di sia pur contenuto affidamento fra l’indagato ed il professionista». Inoltre – prosegue la Corte – «il rifiuto della persona indicata quale domiciliataria (nel caso di specie il difensore d’ufficio) di ricevere l’atto rende l’elezione inidonea a perseguire lo scopo cui essa era finalizzata e legittima, pertanto, il ricorso alla procedura notificatoria mediante consegna dell’atto al difensore, sia esso di fiducia o d’ufficio, a norma dell’articolo 161, comma 4, cod. proc. pen.»

Tale quadro – conclude la sentenza – «deve ritenersi immutato anche a seguito dell’introduzione del comma 4-bis dell’art. 162 cod. proc. pen. in quanto diversamente argomentando in presenza di un difensore indicato come domiciliatario che non presti l’assenso alla ricezione delle notifiche per conto dell’imputato ed in assenza dì una manifestazione di volontà dell’imputato di eleggere o dichiarare domicilio altrove, qualora non si ritenesse possibile accedere alla procedura di cui all’art. 161, comma 4, cod. proc. pen. il procedimento entrerebbe in una situazione di stallo».

Categorie: ARTICOLI, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, Indagini e processo