Frazionabilità della valutazione e chiamata in correità.

in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 1 – ISSN 2499-846X

Cassazione Penale, Sez. II, 13 novembre 2017 (ud. 27 ottobre 2017), n. 51650
Presidente Cammino, Relatore Prestipino

L’autore analizza una recente sentenza della Cassazione tramite cui la Suprema Corte si pronuncia sui criteri per considerare valida, rispetto ai singoli imputati, la “frazionabilità” della valutazione delle dichiarazioni rese in un differente procedimento penale, specificando i requisiti necessari per ritenere accertata in concreto ciascuna condotta dei correi.

Come citare il contributo in una bibliografia:
F. Urbinati, Frazionabilità della valutazione e chiamata in correità, in Giurisprudenza Penale Web, 2018, 1