La confisca urbanistica non è incostituzionale (per il momento)

in Giurisprudenza Penale Web, 2021, 10 – ISSN 2499-846X

Corte Costituzionale, 27 maggio 2021 (dep. 8 luglio 2021), n. 146
Presidente Coraggio, Estensore Petitti

L’Autore commenta la pronuncia numero 146 del 2021, con la quale la Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile una questione di legittimità costituzionale dell’art. 44, comma 2, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 – sollevata dalla Corte di Appello di Bari – nella parte in cui, qualora la confisca dei terreni abusivamente lottizzati e delle opere abusivamente costruite risulti sproporzionata alla luce delle indicazioni della sentenza delle Corte Edu Giem e altri c. Italia, non consente l’applicazione in via principale di una sanzione meno grave, come quella dell’obbligo di procedere all’adeguamento parziale delle opere eseguite per renderle integralmente conformi alle legittime prescrizioni della pianificazione urbanistica generale, nei confronti dei soggetti rimproverabili per aver tenuto solo una lieve condotta colposa con riguardo alla lottizzazione abusiva.

Come citare il contributo in una bibliografia:
A. Quattrocchi, La confisca urbanistica non è incostituzionale (per il momento), in Giurisprudenza Penale Web, 2021, 10