Latitanza: rimesse alle Sezioni Unite due questioni – Cass. Pen. 50671/2013

Cassazione Penale, Sez. I, 16 dicembre 2013 (ud. 14 novembre 2013), n. 50671
Presidente Cortese, Relatore Locatelli, Ricorrente Avram

Con l’ordinanza n. 50671 depositata il 16 dicembre 2013 la prima sezione della Corte di Cassazione ha rimesso alle Sezioni Unite,a norma dell’art. 618 c.p.p.., le seguenti questioni in tema di latitanza dell’imputato:

  1. Se le ricerche effettuate dalla polizia giudiziaria, ai sensi dell’art. 295 cod. proc. pen., costituenti presupposto per la dichiarazione della latitanza, debbano necessariamente ricomprendere quelle nei luoghi specificati dal codice di rito ai fini della dichiarazione di irreperibilità e, di conseguenza, anche le ricerche all’estero quando ricorrano le condizioni previste dal comma quarto dell’art. 169 cod. proc. pen.
  2. Se la cessazione dello stato di latitanza, a seguito di arresto all’estero, avvenuto in relazione ad altro procedimento penale, anche se non portato a conoscenza del giudice procedente, implichi la illegittimità delle successive notifiche eseguite nella forma prevista per l’imputato latitante dall’art. 165 cod. proc. pen.

L’udienza davanti alle Sezioni Unite si terrà il 27 marzo 2014.

Redazione Giurisprudenza Penale

Per qualsiasi informazione: redazione@giurisprudenzapenale.com