Sezioni Unite: è ammissibile il ricorso straordinario (art. 625 bis c.p.p.) avverso la sentenza della Cassazione conclusiva di un giudizio di revisione

Articolo scritto da Redazione Giurisprudenza Penale il 19 Settembre 2016

ssuu

Cassazione Penale, Sezioni Unite, decisione del 21 luglio 2016

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate sulla seguente questione di diritto: «se sia ammissibile ricorso straordinario ai sensi dell’art. 625 bis c.p.p. avverso la sentenza della Corte di cassazione che rigetti o dichiari inammissibile ricorso avverso sentenza in tema di revisione».

Come avevamo anticipato, in virtù del contrasto giurisprudenziale sul punto, la questione era stata rimessa alle Sezioni Unite con l’ordinanza numero 22833/2016.

All’udienza del 21 luglio 2016, le Sezioni Unite hanno fornito soluzione affermativa, aderendo dunque al più recente indirizzo (sostenuto dalla prima sezione della Corte di Cassazione, v. sentenza n. 1776 del 29/9/2014) secondo cui il ricorso straordinario per errore materiale o di fatto è senza dubbio ammissibile contro le decisioni della Corte di cassazione conclusive di un giudizio di revisione dal momento che per “condannato”, a favore del quale è ammessa la richiesta ex art. 625-bis c.p.p., si deve intendere anche il soggetto titolare della facoltà di introdurre il procedimento di revisione.

Pubblicheremo le motivazioni della sentenza non appena verranno depositate.

Parole chiave: , , ,

Categorie: ARTICOLI, DIRITTO PROCESSUALE PENALE, Impugnazioni